L’ A.S.D. MOLLARE MAI, unico esempio in Italia sull’istruzione del buon uso corretto della carrozzina.

Nasce con lo scopo primario di offrire ai diversamente abili l’opportunità  di darsi un obiettivo nella vita, nella consapevolezza che:

“TUTTI POSSONO ED OGNUNO PUO’…”

MOLLARE MAI si prefigge lo stimolante obiettivo di accompagnare i diversamente abili verso il benessere psicofisico, l’autostima e la consapevolezza delle proprie capacità.

 

 


Attraverso specifiche attività riabilitative, in palestra e piscina ma grazie anche al supporto di psicologi, fisioterapisti, preparatori e operatori di sostegno, l’associazione insegue inoltre il sogno di restituire ai diversamente abili il diritto alla pratica sportiva nell’ottica non dell’isolamento ma, attraverso iniziative comuni, dell’integrazione con gli sportivi normodotati, ai quali pure l’associazione si rivolge.

L’ A.S.D. Mollare Mai è per chiunque vorrà sfidare se stesso tentando di superare i suoi limiti fisici con la pratica dell’handbike, del triciclo della camminata sportiva, ecc… e in genere chiunque vorrà fare la straordinaria esperienza di conoscersi e migliorarsi.

 

DESCRIZIONE DELL’ASSOCIAZIONE:

Ha lo scopo di sviluppare, promuovere, coordinare iniziative per rispondere ai bisogni di attività motorio-sportiva dilettantistica di tutti, uomini e donne di ogni età, condizione sociale loro e di famiglia.

La nostra Associazione Sportiva vuole essere un centro d’ascolto  dello sport nelle disabilità: supportare gli atleti fornendo loro esperienza, sostegno e supporto, ma soprattutto cercare assieme a loro una visione comune per stabilire degli obiettivi nella disciplina prescelta; creare anche un gruppo di persone con competenze specializzate in ambito di: (coaching, trainer, psicologi, neurologi ed altro…) con esperienze e competenze nel campo della disabilità in grado di insegnarli e risolvere problemi fisici e psico…

 


LA SUA NASCITA

L’associazione “Mollare mai”, nata nel 2017, è una tra le prime in Italia per quanto riguarda l’istruzione del buon uso della carrozzina, si occupa di aiutare persone con disabilità “paraplegici/tetraplegici/non vedenti/ vittime di incidenti stradali”  nell’educazione del buon uso della carrozzina, e nell’attività motoria a far si che possono essere autonomi nell’affrontare le barriere architettoniche della nostra società; inserirle nel contesto di pratica motoria e sportiva attraverso i nostri sport principali: “handbike, triciclo, tandem, easybike, corsa e palestra” 

“Chiunque” può avere dentro di sé qualcosa di più grande delle circostanze e se “oso” crearlo ho la possibilità di fare delle cose splendide…

Creata dal presidente Adriano Bolognese, insieme a sua moglie Eleonora Bolognese, l’associazione sorge dall’iniziativa dovuta da un incidente di percorso nella vita di Adriano, dove a causa del suo lavoro abbastanza pesante li ha causando molteplici problemi alla sua schiena, e a causa di due interventi non finiti nel giusto modo, lo hanno costretto a rimanere su una sedia a rotelle con una lesione spinale.

Adriano, è sempre stato amante dello sport, prima del suo incidente era stato campione Italiano di mountain bike ma anche regionale e provinciale della Puglia e Lecce.

 

Dopo l’incidente, i primi  anni non sono stati affatto facili per lui, cadute psicologiche e fisiche si susseguivano, anche a causa di un contesto sociale povero di iniziative psicosportive e psicomotorie, abbandonato e lasciandosi abbandonare, non avendo un giusto sostegno a livello sociale e morale, per circa 7 anni,  ha dovuto lottare fra sofferenze, traumi, suicidi, alcol e droghe… 

“Non aspettarti niente, ma sii preparato a tutto…”

Ma grazie alla sua caparbietà e sangue da vero sportivo – atleta, è riuscito insieme a sua moglie, ad uscirne fuori da questo suo tunnel, dedicandosi allo sport sia per lui che per gli altri; aprendo così l’associazione “Mollare Mai” dedicandosi esclusivamente nel sociale sopratutto a persone svantaggiate di cui è stato premiato a livello nazionale sia dall’ US ACLI  e sia dal CONI Nazionale, conquistandosi il PREMIO BEARZOT “per aversi distinto da altre associazioni nel sociale” creando quello che ha lui è mancato in quei 7 anni di lotte.

Essendo stato campione di mountain bike Adriano Bolognese da circa due  anni ha intrapreso di nuovo la sua carriera nel ciclismo con l’handbike, partecipando a numerose gare nazionali ed internazionali, diventando ora atleta paralimpico di handbike. 

Oggi si dedica principalmente al suo sport handbike e sopratutto si dedica sia alla sua associazione e sia ai centri diurni tra Martano, Galatina, Noha e tanti altri… 

perché lo sport è un diritto di tutti…

 

 

IL TEAM DELL’ASSOCIAZIONE COMPOSTO DA:

  • Presidente Adriano Bolognese: istruttore di 1° attività motoria e sportiva
  • Eleonora Bolognese: tecnico sportivo di 1° livello
  • Dott. Alessandra Marullo: biologa – nutrizionista
  • Dott. Maria Rosaria Tamborrini: psicologa – psicoterapeuta
  • Avv. Marco Castellano: legale
  • Avv. Vincenzo Russo: legale
  • Anna Maria Ture: responsabile tecnico assistente disabili
  • Stefano Petracca: atleta sportivo “non vedente”
  • Annalisa Mariano: assistente dell’associazione
  • Pierluigi Maggio: coach, atleta “amputato transtibiale” gestione e assistente dell’associazione

“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo.”


SOSTIENICI ANCHE TU!

Sempre più persone ci scelgono per la nostra passione ed il nostro contributo che ci mettiamo, fornendo loro un punto di riferimento per sostenerli e renderli felici attraverso lo sport.

I nostri risultati sono sempre più sorprendenti, per questo abbiamo bisogno di persone che vorrebbero dedicare un pò del loro tempo a questa associazione, mettendo a disposizione le loro passioni e conoscenze per essere da guida.

Se sei interessato puoi contattarci.

 Cerchiamo anche un sostegno come contributo economico per fornire loro servizi ed attrezzature adeguate per la nostra palestra.

Dona una giusta somma ideale per te, che contribuirà all’acquisto di attrezzature sportive.

 

“Solo donando parte di se stessi agli altri, senza pretendere nulla in cambio, si può definire una vita degna di questo nome.” Daniela Volontè